Pomezia, favismo, ancora in vigore l’ordinanza che vieta la coltivazione in determinate zone

L’ordinanza, firmata il 17 marzo 2014 e tuttora in vigore, vieta la coltivazione di fave-piselli nel raggio di 300 metri in linea d’aria da centri abitati, agglomerati di case, vie pubbliche del centro abitato, presidi ospedalieri, case di cura, strutture sanitarie pubbliche e private, istituti di ricerca, istituzioni scolastiche pubbliche e private di ogni ordine e grado, edifici pubblici statali, caserme, aeroporti, cimiteri, stadi, chiese parrocchiali, uffici postali e quant’altro sia posto a servizio di comunità cittadine.

Il provvedimento prevede inoltre che la vendita di fave fresche nel perimetro urbano, sia negli esercizi commerciali in sede fissa al minuto e all’ingrosso, che nei mercati comunali, è autorizzata purché le stesse siano pre-confezionate in sacchetti sigillati.

Inoltre è obbligatorio, per gli esercizi commerciali e per i ristoranti che vendono o utilizzano le fave, dare opportuna pubblicità con appositi cartelli delle dimensioni minime di 30×40 cm, con la seguente dicitura “Avviso per i cittadini a rischio di crisi emolitica da favismo. In questo esercizio commerciale sono in vendita fave fresche”.

Clicca per leggere Pomezia, favismo, ancora in vigore l’ordinanza che vieta la coltivazione in determinate zone su Iltabloid.

(Visited 6 times, 1 visits today)

Sull'autore

Vedi anche